SkipNavigation?

Documenti necessari per viaggiare in Cina come turista

Articolo data di pubblicazione 01.26.2017
Topic Viaggi

Documenti necessari per viaggiare in Cina come turista

Se stai programmando un viaggio in Cina, avrai bisogno di sapere quali sono i documenti necessari per entrare nella terra della Grande Muraglia. Probabilmente sai già che sono richiesti il passaporto e il visto d’ingresso, ma vuoi conoscere tutti i dettagli.
Qui troverai un bel po’ di informazioni per non perderti tra le pratiche burocratiche e organizzare il tuo viaggio in Cina con semplicità.

INFORMAZIONI SUL PASSAPORTO
Per richiedere il visto d’ingresso, ti serve ovviamente il passaporto. Le informazioni importanti da sapere a riguardo? Se hai bisogno di un visto individuale, controlla la data di scadenza del tuo passaporto: deve avere almeno 6 mesi di validità dalla data d’ingresso in Cina.
Attenzione: se hai rinnovato da poco il passaporto, al momento della richiesta del visto porta con te anche la copia dei tuoi precedenti documenti.
Oltre che per il visto, il passaporto ti serve in caso di eventuali controlli da parte delle autorità cinesi, quindi tienilo sempre a portata di mano e, per sicurezza, fai una fotocopia delle pagine più importanti. Fai lo stesso con il visto.
E se dovessi perdere i documenti durante il soggiorno? Speriamo tu non debba ritrovarti in questa situazione! Gli imprevisti, però, possono capitare ed è bene essere preparati. Ecco cosa fare:

  • cerca un Ufficio di Pubblica Sicurezza per sporgere denuncia;
  • con la denuncia e due fototessere, recati presso l’Ambasciata d’Italia a Pechino o al consolato italiano più vicino a te. Ce ne sono a Shanghai, Canton (Guangzhou), Chongqing (oltre che a Hong Kong).

Qui potrai richiedere un documento per il rientro in Italia o un nuovo passaporto. Inoltre, è necessario farsi rilasciare un visto per lasciare il Paese.

LE DIVERSE CATEGORIE DI VISTO PER LA CINA

Ci sono più categorie di visto per la Cina, a seconda del motivo del viaggio:

  • Visto turistico (categoria L): lo richiedi se il tuo è un viaggio di piacere.
  • Visto per affari (categoria M): serve se il tuo viaggio a scopi commerciali
  • Visto per lavoro (categoria Z): è questo, invece, il visto che devi richiedere se ti rechi in Cina per lavorare in un'azienda. Ci sono diversi documenti da presentare per ottenerlo. Chiedi maggiori informazioni presso i Centri Visti (nel prossimo paragrafo, ti diciamo dove si trovano).
  • Visto F: è il visto rilasciato a chi vuole recarsi in Cina per scambi, visite e attività non commerciali.
  • Visto per studio (categoria X1 o X2): se vuoi andare in Cina per un periodo di studio richiederai il visto X1 se ti tratterrai per più di 180 giorni; X2 se resterai nel Paese per meno di 180 giorni.
  • Visto per ricongiungimento familiare (categorie Q1 e Q2): può richiederlo un familiare (coniuge, genitore, figlio, nuora, genero, fratello, sorella, nonna o nonno, nipote di nonni, suocera o suocero) di un cittadino cinese o di un cittadino non cinese con permesso di residenza permanente in Cina. La sua durata può essere superiore (Q1) o inferiore (Q2) ai 180 giorni.
  • Visto per visita a parenti residenti in Cina per lavoro o per studio (categorie S1 e S2): a seconda che il periodo di permanenza sia superiore o inferiore a 180 giorni, si richiederà il visto S1 o S2.
  • Visto di residenza permanente (categoria D): per chi vuole trasferirsi in Cina.
  • Visto di transito (categoria G): per chi deve raggiugere un altro Paese attraverso la Cina.
  • Visto per giornalisti (categorie J1 e J2): ovviamente, è rilasciato solo ai giornalisti; a seconda della durata del viaggio(più o meno 180 giorni), verrà rilasciato il J1 o il J2.

Per completezza di informazioni, ricordiamo che esistono anche il visto per esperti qualificati (categoria R), che riguarda persone con particolari competenze inviate dalla Repubblica Popolare Cinese, e il visto per membri di equipaggio aereo, navale o per autisti per trasporti internazionali su strada (categoria C).
Un'altra informazione che può esserti utile: se è tua intenzione cambiare il visto dopo essere arrivato in Cina, devi farne richiesta a un Public Security Bureau Entry and Exit Administration Office (PSB).
Per i requisiti relativi ai visti non turistici, ti suggeriamo di consultare il sito dei Centri Visti (Chinese Visa Application Service Center) o quello del Consolato cinese di Firenze. Qui sotto, invece, trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno per richiedere il visto turistico. 

IL VISTO TURISTICO PER LA CINA: DOVE E COME RICHIEDERLO

Ci sono più categorie di visto per la Cina, a seconda del motivo del viaggio. Se il tuo è un viaggio di piacere, richiederai un visto turistico (categoria L) che dura 90 giorni.
Dove si presenta richiesta? Presso il Centro Visti per la Cina (Chinese Visa Application Center):

  • Roma, in viale Regina Margherita, 279; telefono: 06-44250240; orari per la consegna delle richieste di visto: 9:00-15:00, dal lunedì al venerdì.
  • Milano, in via Federico Confalonieri, 29; telefono: 02-83201385; orari per la consegna delle richieste di visto: 9:00-15:00, dal lunedì al venerdì.

I residenti in Toscana, Umbria, Marche e Liguria possono rivolgersi al  Consolato cinese di Firenze, in via della Robbia, 89; telefono: 055-573889; orari per la consegna delle richieste di visto: 9:00-12:00, lunedì, mercoledì e giovedì.

Ecco la lista di ciò che devi portare con te per richiedere il visto:
•    il passaporto originale e una fotocopia;
•    il modulo di richiesta del visto compilato e firmato;
•    due fototessere;
•    la stampa della prenotazione del volo di andata e ritorno;
•    la stampa della prenotazione della struttura turistica in cui soggiornerai;
•    il modulo di consenso all’informativa sulla privacy.
Il modulo di richiesta del visto per la Cina può essere compilato online sul sito visaforchina.org oppure puoi scaricarlo qui. In entrambi i casi, devi stampare il modulo e portarlo di persona presso il Centro Visti assieme a tutti i documenti elencati qui sopra.Puoi chiedere a qualcun altro di presentare la documentazione al posto tuo. L’importante è che tutti i documenti siano compilati e firmati da te e che tu, in quel momento, non sia all’estero.
Ricorda, inoltre, che potrebbero essere richiesti altri requisiti per ottenere il visto. Per esempio, le cose si complicano un po’ se sarai ospite a casa di un cittadino cinese o straniero che abbia il permesso di residenza: dovrai infatti presentare anche la lettera d’invito e altri documenti.
La lettera d’invito deve essere compilata dalla persona che ti ospiterà e contiene – oltre ai suoi dati anagrafici, l’indirizzo di residenza e il contatto telefonico – i tuoi dati, il tuo numero di passaporto, lo scopo della visita, informazioni sul rapporto con chi ti invita, le date di arrivo e partenza, i giorni di permanenza, i luoghi da visitare e la provenienza del sostegno finanziario durante il soggiorno.
Bisogna allegare anche la copia del documento ID di chi ti ospita o del suo permesso di residenza. Per la lista completa dei documenti da allegare alla lettera d’invito, richiedi informazioni al Centro Visti presso cui presenterai la domanda.
Un’informazione in più: anche i minori devono presentare un proprio modulo per la richiesta di visto firmato da un genitore. Se invece sono presenti sul passaporto del genitore, basterà inserire i loro dati sul modulo di richiesta del genitore stesso.

TEMPI E COSTI PER OTTENRE UN VISTO TURISTICO

Quanto tempo prima di partire è consigliabile richiedere il visto? Dunque, se non ci sono problemi nella documentazione, viene emesso, in genere, nell’arco di 4 giorni lavorativi. Tu, però, fai le cose per tempo e presenta la domanda almeno un mese prima della data di partenza, ma non prima di 3 mesi, dal momento che il visto turistico ha in genere una durata massima di 90 giorni.

calcola preventivo

Se non puoi ritornare al Centro per la restituzione del passaporto e la consegna del visto, puoi richiedere il servizio di spedizione tramite corriere, ma tieni presente che ci vorranno circa due settimane.
E adesso, veniamo ai costi. Ecco quali spese dovrai affrontare:

  • spese di rilascio: 60 €;
  • spese di servizio per il Centro Visti: 67,10 € per il servizio “normale”, con ritiro presso il centro al quarto giorno lavorativo.

Se chiedi al Centro la restituzione del passaporto con il visto tramite corriere, il servizio ti costerà 103,70 € e dovrai pagare anche le spese di spedizione alla compagnia che si occupa della consegna.

COME SI LEGGE UN VISTO CINESE
Sul visto, trovi i seguenti dati:

  • Categoria (Category), indicata con la lettera relativa.
  • Validità (Enter before), ossia la data entro cui puoi entrare in Cina con quel visto.
  • Data di rilascio (Issue date).
  • Nome e cognome (Full name).
  • Data di nascita (Birth date).
  • Numero d’ingressi (Entries): il numero di volte che puoi entrare in Cina, a seconda che il visto sia a entrata singola, doppia o multipla. In quest’ultimo caso ci sarà scritto M.
  • Durata del soggiorno (Duration of each stay): il numero di giorni massimo che ti viene concesso per il tuo soggiorno in Cina. La permanenza si calcola a partire dal giorno successivo a quello dell’ingresso nel Paese.
  • Luogo di rilascio (Issued at).
  • Numero di passaporto.

IL TRANSITO IN CINA SENZA VISTO PER MASSIMO 72 ORE O 144

Come abbiamo visto, esiste un tipo di visto per il transito in Cina, ma puoi richiedere un’esenzione se fai scalo in alcuni aeroporti per 72 ore o meno. Nello specifico:

  • se atterri negli aeroporti di Pechino, Chengdu, Chongqing, Dalian, Guilin, Harbin, Kunming, Shenyang, Tianjin, Wuhan, Xi’an puoi uscire dall’aeroporto ma non puoi andare fuori dalla città;
  • se atterri a Changsha, Guangzhou, Qingdao, Xiamen non puoi uscire fuori dalle rispettive province.

Se invece atterri negli aeroporti di Shangai, Hangzhou o Nanjing, questo “permesso” si può estendere fino a 144 ore e puoi muoverti tra Shanghai, la Provincia dello Zhejiang e la Provincia di Jiangsu.
Devi però essere in possesso del biglietto aereo e del visto per il Paese verso cui ti dirigerai dopo il transito in Cina (sempre che il Paese lo richieda).

I DOCUMENTI NECESSARI PER VISITARE HONG KONG

Se durante il tuo viaggio intendi visitare anche Hong Kong o Macao, che sono le Regioni Amministrative Speciali (SAR) della Cina, devi richiedere un visto a ingressi multipli.
Se invece queste due regioni sono la tua prima destinazione, come cittadino italiano non hai bisogno del visto d’ingresso se il tuo soggiorno non supera i 90 giorni.
Ti serve solo il passaporto, ma devi ricordare che:

  • Per Hong Kong, la validità residua del passaporto deve essere di almeno un mese dalla data di rientro in Italia (se sei in transito per raggiungere un Paese limitrofo, invece, è necessaria una validità di almeno sei mesi).
  • Per Macao, è richiesta una validità residua di almeno due mesi per soggiorni inferiori a 30 giorni; di almeno sei mesi per soggiorni di durata superiore.

Devi sapere, inoltre, che una volta a Hong Kong, puoi richiedere un visto per la Cina continentale. Per semplificarti la vita, ti conviene rivolgerti a un’agenzia. Altrimenti, dovrai svolgere tutte le pratiche presso l’ufficio consolare.

PER IL TUO VIAGGIO IN CINA, HAI GIA PENSATO ALLA POLIZZA VIAGGI?

Fin qui siamo andati alla scoperta delle pratiche per il visto, che è obbligatorio. L’assicurazione di viaggio non è obbligatoria, ma è altamente consigliata. Perché?
Eccoti una buona ragione: coprirà tutte le spese mediche, nel caso dovessi aver bisogno di assistenza sanitaria. E non è un dettaglio di poco conto, dato che, in Cina, i costi della sanità per i cittadini stranieri sono piuttosto elevati. Ti basti pensare che a Pechino il ricovero in ospedale costa fino a 500 € al giorno!
Ora, siamo certi che durante il tuo viaggio filerà tutto liscio, ma prevenire è sempre la scelta migliore. Noi di AIG siamo qui per te, per aiutarti a trovare l’assicurazione di viaggio più adatta alle tue esigenze.Possiamo offrirti:

  • Assistenza 24 ore su 24 per aiutarti in caso di malattie o infortuni.
  • Massimali alti per la copertura, con pagamento diretto, delle spese mediche, ospedaliere, farmaceutiche e chirurgiche.
  • Copertura per un eventuale rimpatrio in Italia.
  • Diaria ospedaliera (pacchetto Oro e Platino): ricevi un indennizzo di 30 € per ogni giorno di ricovero ospedaliero all’estero.
  • Rimborso per assistenza domiciliare (pacchetto Platino): ti rimborsiamo per eventuali costi sostenuti per ricevere assistenza domiciliare una volta rientrato in Italia.

Ricordati quindi di aggiungere la voce “stipulare una polizza viaggi” nella tua lista delle cose da fare prima di andare in Cina. E goditi il viaggio!

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda sintetica e la Nota informativa