SkipNavigation?

Documenti per la Turchia: cosa serve e come richiederli prima del viaggio

Articolo data di pubblicazione 05.24.2019
Topic Viaggi

Documenti per la Turchia: cosa serve e come richiederli prima del viaggio

Carta d’identità, passaporto o visto di ingresso? Scopri quali sono i documenti per la Turchia, come richiederli, e con quali polizze viaggiare in serenità.

Hai in programma una vacanza tra le spiagge della Costa Turchese e le mongolfiere della Cappadocia? Molto probabilmente ti starai chiedendo se basta la carta d’identità per varcare i confini dello Stato turco o se, invece, è necessario esibire anche il passaporto.

I documenti per la Turchia variano a seconda del Paese di provenienza, del mezzo di trasporto utilizzato e del motivo del viaggio: vediamo i singoli casi più nel dettaglio.

Documenti necessari per la Turchia

Per entrare in Turchia i turisti italiani hanno l’obbligo di esibire un unico documento: la carta d’identità valida per l’espatrio. Per viaggi di tipo turistico, infatti, non è richiesto il visto d’ingresso né il passaporto, a patto che il soggiorno non superi i 90 giorni.

Questa regola è valida per i viaggiatori che, attraverso qualsiasi frontiera, entrino in Turchia via nave o in aereo, nonché per i viaggiatori che attraversino, in treno o in auto, il confine bulgaro e greco. È importante verificare che la carta d’identità non presenti un timbro di rinnovo o di proroga, perché in questo caso non verrà considerata valida.

Validità del passaporto

Il passaporto è necessario invece per i viaggiatori che, via treno o in auto, entrano in Turchia dai confini a sud-est e ad est, in particolare dalle frontiere con Azerbaijan, Georgia, Iran, Siria, Iraq. Come nel caso della carta d’identità, il passaporto deve avere una validità residua di almeno sei mesi, calcolata dal momento dell’ingresso nel Paese. Inoltre, il passaporto deve avere almeno una pagina libera su cui apporre i timbri di entrata e di uscita.

Il visto di lavoro per la Turchia

Chi ha in programma un viaggio di lavoro in Turchia – o un soggiorno superiore ai 90 giorni nell’arco di 180 giorni – ha l’obbligo di esibire il passaporto e, inoltre, il visto di ingresso. Per ottenerlo è possibile rivolgersi direttamente alle rappresentanze diplomatico-consolari turche in Italia che si trovano a Roma, Milano, Firenze, Bari, Siracusa, Torino, Trieste, Genova e Venezia. Inoltre, in questi due casi è necessario attivare un’assicurazione sanitaria.

Assicurazione viaggio

Quale che sia la ragione della tua partenza, per vivere la vacanza in Turchia in tutta serenità, l’ideale è sottoscrivere un’assicurazione viaggio su misura per te.

Con l’offerta AIG potrai evitare spiacevoli imprevisti o spese inattese come quelle per cure mediche o di degenza nelle strutture ospedaliere del Paese di destinazione, o ancora sarai coperto in caso di smarrimento o danneggiamento dei tuoi bagagli.

Dunque, chiudi pure le tue valige, prepara e organizza tutti i tuoi itinerari di viaggio, e parti pure sereno con la sicurezza delle polizze AIG.

 

Leggere il set informativo prima della sottoscrizione