SkipNavigation?

Viaggio in Russia: i documenti necessari per il visto

Articolo data di pubblicazione 11.17.2014
Topic Viaggi

Viaggio in Russia: i documenti necessari per il visto

Recarsi in Russia per un viaggio di lavoro o semplicemente per una visita turistica può risultare alquanto complesso: infatti sono numerosi i documenti necessari per ottenere il visto ed entrare regolarmente nel paese.

Innanzitutto il passaporto deve avere una validità residua di almeno 6 mesi. Non solo. Il documento deve essere in ottime condizioni: non è raro che le Autorità russe impediscano l’ingresso nel paese a fronte di passaporti deteriorati o in cattivo stato.

Il visto per entrare inRussia è obbligatorio e deve essere fatto prima dell’arrivo nel Paese. In caso contrario, è certo il respingimento alla frontiera con tanto di multa e ritorno immediato in Italia a spese della persona respinta.

Se volete entrare nel paese per turismo, allora i documenti necessari per ottenere il visto sono: il voucher di una compagnia turistica straniera o russa, la conferma dei visti da parte dell’albergo presso cui soggiornerete (registrati presso il Ministero degli esteri russo), il passaporto, il modulo di richiesta di visto con tanto di firma, il modulo consolare di registrazione, una fototessera, il prezzo del visto e la polizza assicurativa che copre l’intero periodo del viaggio.

Sono evidentemente tanti e alquanto complessi i documenti necessari per ottenere il visto in Russia. Ma non preoccupatevi: alla polizza viaggi per tutto il vostro periodo di soggiorno nella Federazione Russa ci pensa Travel Guard.


Articoli Correlati

L’annullamento del viaggio per malattia
Annullamento viaggio per malattia: la giusta assicurazione permette di recuperare i soldi del biglietto e le spese di alloggio.

Polizza viaggi all’estero: partire senza pensieri
Una polizza per viaggi all’estero è il modo per partire senza pensieri, tanto per le vacanze quanto per gli impegni di lavoro.

Lavoratori all’estero: la previdenza sociale
Le forme di previdenza sociale a cui hanno diritto i lavoratori all’estero e cosa prevede in merito la Comunità europea.